lunedì 6 maggio 2013

QR CODE per le campagne elettorali: a #Viterbo Gianmaria Santucci utilizza il QRPOST

Anche in Italia, già da tempo assistiamo al coinvolgimento della "rete" nelle campagne elettorali.

E' la politica 2.0 , un nuovo modo di condividere e diffondere il pensiero, le idee , le proposte di chi si candida.
La diffusione e l'uso dei social network hanno cambiato i comportamenti degli elettori che  si incontrano , interagiscono e  condividono anche in "rete": una sorta di "piazza" digitale.
E' da evidenziare che anche coloro che non seguono assiduamente la politica,  sanno utilizzare  gli smartphone. 
I telefoni cellulari sono sempre più un elemento indispensabile nella nostra vita quotidiana.

Integrare le  campagne politiche con i dispositivi mobili è un modo per aumentare l'interesse degli elettori e la loro interazione, per rispondere a quesiti, per fornire informazioni più dettagliate sul programma, per farsi conoscere,  per dissipare dubbi ed incertezze.



Un esempio è quello di Gianmaria SANTUCCI, candidato Sindaco del Comune di Viterbo che, in un articolo pubblicato su Tusciaweb, asserisce: “Credo,  che poche ore di campagna elettorale abbiano dimostrato come non servano soldi ma buone idee per far conoscere quello che facciamo anche a livello nazionale. Ho scelto questo metodo di comunicazione per parlare a costo zero a tutti i viterbesi e raccontare la Viterbo che vogliamo. Mi auguro che tanti Cittadini utilizzino questo sistema per conoscere le idee di fondazione”.
Oltre alle conferenze stampa in streaming", i tweet e le dichiarazioni rilasciate su Facebook, anche il Codice QR permette, di portare a conoscenza, direttamente nel proprio smartphone il programma dei candidati.

Il QR code è il sistema che induce al "call to action" : è possibile indirizzare l'utente , come in questo caso, ad un video in cui il candidato spiega il proprio programma ai cittadini (un breve spot per concetti pragmatici).

Può essere pubblicato in rete sulla pagina web un vero e proprio "PostQR", oppure stampato fu Flyers, locandine, magliette.
Se poi, il codice è di ampie dimensioni questo potrà essere decodificato anche da grande distanze.

L'utilità del QR Code inoltre è data anche dalla proprietà di poter monitorare la propria campagna: si ottengono dati statistici sul numero di volte che il codice viene decodificato.

L'impiego dei QR Code, non solo permette di ridurre i costi delle campagne politiche, riesce come in questo caso, ben gestito, ad aumentare la visibilità per il candidato,  l'affluenza   ed un aumento della consapevolezza  di un legame "digitale" con gli elettori.





Nessun commento:

Posta un commento